28 dicembre 2017

Bonus alberghi: incentivo fiscale del 65% per le ristrutturazioni

Con il nuovo  bonus alberghi, dal 2017 e fino al 2020, le detrazioni fiscali per le strutture ricettive salgono al 65% per gli interventi edili di ristrutturazione. Si tratta di un’importante misura prevista dalla Legge di Bilancio.

Dal 1° gennaio 2017 le attività turistiche esistenti dal 2012 – alberghi, hotel, agriturismi e, dal 2018, anche le strutture termali – possono godere di un credito di imposta maggiore sulle spese sostenute per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica degli immobili in cui svolgono la propria attività.

La proroga dell’incentivo concesso dal Governo ne ha ampliato la capacità, dal 30 al 65% rispetto al 2016. Si intende rilanciare la competitività del settore turistico e favorire il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici alberghieri. Il limite di spesa su cui calcolare il rimborso del 65%, utilizzabile nel corso dell’anno in due quote di pari importo, è fissato in 200.000 euro.

Le strutture ricettive potranno cogliere l’occasione di ottenere un ottimo risultato in termini di miglioramento del benessere degli ambienti e risparmio energetico utilizzando i dispositivi di protezione solare e i monoblocchi termoisolanti per serramenti, come quelli proposti da Pronema, che hanno pieno accesso al bonus fiscale.

Per saperne di più sul bonus alberghi e sulle regole per l’accesso alle detrazioni consigliamo la lettura della nostra GUIDA AGLI INCENTIVI STATALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. Lo trovate qui.


Articolo di Alessandro Palazzo
​Architetto. Consulente energetico CasaClima, esperto in riqualificazione energetica degli edifici. È professore presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano. Dal 2010 è tra i consulenti della Commissione Europea per il JRC Centro Comune di Ricerca di Ispra (Varese).

Iscriviti alla newsletter

Per sapere prima di tutti quel che succede nel mondo Pronema: nuovi prodotti, aggiornamenti normativi, iniziative e idee.