21 luglio 2016

Tende da sole e detrazioni fiscali: i quesiti dei lettori

Nei giorni scorsi l’architetto Alessandro Palazzo, nostro consulente di riqualificazione energetica, ha risposto a due quesiti posti dai lettori del sito BonusEnergia. Entrambi riguardavano gli incentivi fiscali sulle tende da sole.

Ecco i messaggi:

Buongiorno, vorrei installare delle tende solari a braccio sui balconi del mio appartamento. Qualcuno mi dice che posso detrarle, altri no. Vorrei capire bene la situazione e sapere come fare.
Grazie anticipatamente per la risposta.
ELENA

Salve, leggendo qua e là su internet ho trovato il vostro sito e ho letto della detrazione del 65%. Mi domandavo se in questa detrazione rientrano le tende da sole per terrazzi. Grazie in anticipo.
ANDREA

Ecco la risposta dell’architetto Palazzo.

Gentili Elena ed Andrea,

lo Stato ha rinnovato fino al 31 dicembre 2016 la possibilità per tutti i proprietari di immobili, residenziali e non, di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 65% delle spese sostenute per l’installazione e la posa in opera di schermature solari. L’importo massimo detraibile è pari a 60.000 euro, che corrisponde a una spesa di 92.307,69 euro.

Si tratta di sistemi mobili che proteggono le superfici vetrate dall’irraggiamento solare. Le schermature solari, per beneficare dell’agevolazione fiscale, possono essere integrate al serramento oppure applicate – purché in modo solidale con l’edificio – all’esterno o in aggetto (in quest’ultimo caso evitando il loro posizionamento con orientamento nord, nord-est e nord-ovest).

Non sono previsti determinati requisiti di prestazione energetica, quindi tutti i prodotti che rientrano nella definizione di schermatura solare beneficiano della detrazione fiscale, come ad esempio le tende a bracci.

Per accedere all’incentivo fiscale non è necessario effettuare alcuna comunicazione preventiva, né presentare l’Attestato di Prestazione Energetica (APE), né l’asseverazione di un tecnico abilitato. È sufficiente saldare le fatture relative alle spese sostenute, entro il 31 dicembre 2016, mediante un apposito bonifico bancario, compilare un modulo semplificato predisposto sul portale dell’ENEA, e inviarlo telematicamente entro 90 giorni dal termine dei lavori. La fattura emessa dal rivenditore dovrebbe riportare la seguente dicitura: “Schermature solari ai sensi del D.Lgs 311/2006 allegato M”.

Tra le schermature solari che proteggono le superfici vetrate dall’irraggiamento solare, capaci quindi di ottenere un notevole risparmio energetico durante la stagione estiva, rientrano i prodotti proposti da Pronema nel suo vasto catalogo di tende da sole per esterni.

Alessandro Palazzo

———————————————————–

Aggiornamento del 24 gennaio 2018.

Il 23 dicembre 2017 il Governo italiano ha ufficialmente confermato, fino al 31 dicembre 2018, gli incentivi fiscali, tra cui gli ecobonus, dedicati agli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche delle singole unità immobiliari. Tra le novità: scende dal 65 al 50% la detraibilità fiscale delle schermature solari. E ci sono notizie anche per i condomini e chi intende riqualificare a verde gli spazi.

Trovi qui l’articolo: Cosa cambia nel 2018 con la proroga dei bonus fiscali

 


Articolo di Alessandro Palazzo
​Architetto. Consulente energetico CasaClima, esperto in riqualificazione energetica degli edifici. È professore presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano. Dal 2010 è tra i consulenti della Commissione Europea per il JRC Centro Comune di Ricerca di Ispra (Varese).

Iscriviti alla newsletter

Per sapere prima di tutti quel che succede nel mondo Pronema: nuovi prodotti, aggiornamenti normativi, iniziative e idee.